Consigli per organizzare il Cammino di Santiago

Molti pellegrini iniziano a programmare con entusiasmo il Cammino di Santiago per i prossimi mesi.

Al fine di tenere conto di tutti i fattori necessari per organizzare , oggi vogliamo insegnarvi questi consigli per poter organizzare il Cammino di Santiago.

INOLTRE TI POTREBBERO INTERESSARE: ALBERGHI DEL CAMMINO DI SANTIAGO

Per molti sará la loro prima avventura, per i piú veterani sará ancora una volta con lo zaino in spalla e una nuova credenziale nella quale conseguire un esperienza

Alcuni dubbi che possono esserci ai quali si dovrà rispondere sono: la necessità o meno della preparazione fisica, le cose che non ti devi dimenticare di mettere dentro lo zaino, ecc.. Ne discuteremo in questa guida.

HO GIÀ PRESO LA MIA DECISIONE

Al contrario, se hai già una rispostaa tutte le domande precedentemente suggerite, congratulazioni, sai tutto quello che c’è da sapere.¿Ti aiutiamo ad organizzare?

Se invece hai ancora i tuoi dubbi, cominciamo a risponderead alcune delle domande precedenti, ma senza limitarci alla scritta.

ci sono tante strade quante sono le persone, quindi le nostre risposte e anche le nostre domande potrebbero non assomigliare affatto alle tue, Ma se servirà a suscitare le tue preoccupazioni e a far sì che tu dia spazio alla riflessione per pianificare il tuo viaggio.

MOTIVI PER FARE IL CAMMINO DI SANTIAGO

Ogni pellegrino ha le sue ragioni per iniziare il suo cammino. Esistono infiniti motivi che ci spingono a realizzarlo, da questi motivi religiosi,spirituali,culturali,sportivi ecc che si che diventano qualcosa di puramente aneddotico quando mettiamo piede per la prima volta in Piazza dell’Obradoiro e ci rendiamo conto che abbiamo raggiunto il nostro obiettivo

In quel momento i motivi che ci hanno portato ad iniziare vengono relegati in secondo piano e il miscuglio di emozione e sentimenti che si verifica quando vediamo la Cattedrale di Santiago alzarsi sui nostri occhi è l’unica cosa che ha posto in quel momento

Tuttavia, abbiamo tutti una motivazione che ci porta a fare il primo passo, e nella maggior parte delle occasioni i motivi più abituali sono i seguenti:

RELIGIOSI

Dopo la scoperta dei resti del Apóstol Santiago e la cittá si convertí in uno dei maggiori esponenti della religione cattolica del Cammino di Santiago Apostolo Santiago di migliaia di fedeliche, fin dal Medioevo e mossi dalla fede, pellegrinavano a Compostela per gridare all’Apostoloprotezione nelle guerre che si apprestavano a combattere in Terra Santa.

Al giorno d’oggi, non sono più i Templari che vengono in Galizia in cerca di protezione, ma ci sono migliaia di credenti che cercano nel Cammino atti di dimostrazioni di fede e si recano nella capitale galiziana per riscattarsi dai loro peccati o per compiere qualche offerta fatta all’apostolo Santiago

SPIRITUALI

Sempre più sono i pellegrini che non limitano il loro viaggio ad una ragione puramente religiosa, ma che compiono il Cammino per una ragione spirituale, quasi meditativa, che permetta loro di incontrarsi con se stessi, meditando attraverso i sentieri e notando che per alcuni giorni, il Cammino di Santiago rende gli uni e gli altri uguali e permette di conoscere persone con le nostre stesse inquietudini.

CULTURALI

Se c’è qualcosa che abbonda lungo il Cammino di Santiago è la ricchezza culturale e patrimoniale. Dallarotta piú antica come il Cammino primitivo,fino adaltre alternative piú frequenti come il caso del Cammino Francese o il Cammino Portoghese ci saranno numerose opere di arte patrimoniale che vanno da Eremitas Chiese o Cruceiros fino imponenti Cattedrali di stile Gotico o Romano

NATURALI

Lungo questi tracciati,specialmente se passiamo per la Spagna verde del nord della penisola o una volta ci addentreremo nella comunitá gallega, troveremo di fronte ai nostri occhi uno spazio verde che ci farà dimenticare ogni barlume di preoccupazione e ci allontanerà dal mondano rumore trasportandoci in uno scenario di pace e tranquillità.

SPORT O PER IL MIGLIORAMENTO

Per molti che si lanciano sul Cammino di Santiago per la prima volta, questo passaggio è molto più di un semplice viaggio turistico, presuppone la capacità di superare l’essere in grado di completare il percorso che separa l’origine da tale obiettivo simbolico. Più che un punto di arrivo,rappresenta un punto di svolta nel modo di affrontare la vita.

SOCIALI

Anche se per i pellegrini più radicati nell’essenza del Cammino è un passo indietro nel vedere che è diventato un fenomeno sociale.

Oggi, questa avventura rappresenta un punto di convivenza con altre culture, di conoscere nuove amicizie e compagni di viaggio, E naturalmente, questo è un nuovo modo di scoprire punti della geografia peninsulare che altrimenti probabilmente non visiteremmo per tutta la vita.

CHE CAMMINO FACCIO?

Dopo aver meditato sulle ragioni che ci portano a partire, è tempo di scegliere la via.

Se cerchiamo di soddisfare l’essenza più fedele della tradizione giacobea e degli antichi pellegrinaggi dobbiamo iniziare il Cammino di Santiago alla porta della nostra casa e avanzare fino a poter collegare alcune delle rotte esistenti.

Oggi si sceglie di dirigersi verso uno dei principali punti di partenza delle diverse rotte e da lì realizzare le tappe che separano questo punto con la città di Compostela.

cammini

Dobbiamo tenere a mente che la scelta del nostro itinerario dipenderà anche dal periodo dell’annoin cui ci apprestiamo a pellegrinare, poiché ognuna delle diverse alternative presenta vantaggi e svantaggia seconda dell’epoca, ne parleremo al prossimo punto.

CAMMINO FRANCESE

Così,il Cammino Francese si presenta come larotta favorita per la maggior parte dei pellegrini data la sua ampia offerta di alloggi e su richiesta patrimoniale e paesaggistica.

É la rotta piú affollatanei mesi centrali dell’anno,per questo si cerca relax e calma ci possono essere altre opzioni più vantaggiose per te che conservano allo stesso modo quella ricchezza visiva e architettonica al loro passaggio

CAMMINO PORTOGHESE

Il Cammino Portoghese conta, con la stessa forma della rotta francese,con una buona offerta di alloggi e servizilungo tutto il percorso. A

Potrai realizzare una forma molto speciale negli ultimi 100 km (da Tui) che separa la strada dalla cittá dell’Apostolo ,per essere la distanza minima per ottenere la Compostela e quindi il tratto più frequentato

CAMMINO PRIMITIVO

Il Cammino Primitivo è una scelta meravigliosa per scoprire le vere radici del pellegrinaggio, poiché fuil primo percorso di pellegrinaggio verso Santiago de Compostela. Offre tanta disponibilità di alloggi e servizicome potrebbe essere , il Cammino Francese o Portoghese, e inoltre, offre una rotta meno frequentata e più montuosa. All’altezza di Melide, si collega con il percorso del Cammino Francese.

CAMMINO DEL NORD

Se,al contrario,cerchi un opzione in cui ti assolvi completamente e con un numero minore di pellegrini, il Cammino del Nordè senza dubbio la tua migliore opzione.

Dispone di una buona offerta di alloggi e servizi, che anche se non è ancora completa come quelle opzioni menzionate sopra è abbastanza ampia e dispone di garanzie di qualità sufficienti per rispondere alle esigenze del pellegrino.

Inoltre sfrutta dei luoghi riservatialla magia di questa rotta, come il maestoso villaggio Ribadeo e la sua spiaggia delle Cattedrali.

CAMMINO INGLESE

Come il Cammino del Nord, il Cammino Inglese é una rotta di minor quantitá di pellegrini. In ogni caso. conta con tutte le comodità e l’alloggi che la rotta menzionata in precedenza e si potrá sfruttare dei luoghi come: Betanzos,al cittá di Ferrol o la propria cittá della A Coruña

Questa ultima cittá, ha guadagnato un ruolo importante nella cultura Giacobea grazie alla recente proclamazione del versante che parte dalla cittá come rotta ufficiale per conseguire la certificazione dei pellegrini, scopri come ottenere la Compostela da Coruña

CAMMINO D’ INVERNO

Ci sono opzioni sul Cammino che dipendono molto dalle stagioni in cui si svolgerà, in questo caso il Cammino d’Inverno, come il suo nome indica,é un cammino creato nel momento per entrare in Galizia ,attraverso la provincia di Ourense, e così evitare le forti nevicate che si producono a O Cebreiroen nella stagione invernale.

VÍA DELLA PLATA

A causa delle forti temperature che si verificano nelle comunità dell’Andalusia o dell’Estremadura, dove viene tracciato questo percorso jacobea, la Via della Plata, non è molto raccomandatarealizzare il Cammino nei periodi di estate o periodi di più caldo.

Ci sono comunque periodi, come l’autunno o la primavera, dove è permesso un viaggio molto meglio.

CAMMINO DI FISTERRA-MUXÍA

In ogni caso, scegliamo la strada che scegliamo, non dobbiamo lasciarci sfuggire l’occasione di fare un ultimo sforzo e continuare lungo il Cammino di Fisterra – Muxia

Troveremo una delle immagini più belle di tutto il pianeta, dove il sole si fonde con il mare e dove il pellegrino trova l’ultima risposta che gli mancava da trovare nel suo cammino.

Non ti pentirai se decidi di assistere alla fine del mondo, noi ti aiuteremo a non perderti questo grande momento.

SEI ANCORA INDECISO SE SCEGLIERE IL CAMMINO A SANTIAGO DI COMPOSTELA?

In un’altra voce parliamo molto più in profondità del dubbio su quale percorso scegliere all’interno del Cammino di Santiago, dove discutiamo più a fondo ogni percorso, la sua accessibilità, quali sono meglio secondo che età e alcune curiosità, che ti aiuterannoa prendere una decisione definitiva.

¿QUANDO FACCIO IL CAMMINO DI SANTIAGO?

A tal fine occorre tener conto di diversi fattori, che vanno dalla climatologia alla disponibilità di alloggi a seconda del periodo dell’anno.

In primo luogo tieni a mente quale cammino scegliere come abbiamo detto prima e dopo puoi concretare la miglior data in base alla nostra possibilità personale per sfuggire da questa avventura.

AUTUNNO E INVERNO

Se quello checerchiamo è pace e serenità, dobbiamo certamente scegliere i periodi di minor afflusso, cioè autunno e inverno.

Lì potremo godere di una tranquillità totale sul nostro cammino ma contro ci troveremo con problemi aggiunti al freddo stesso e alla pioggia, come può essere il caso di numerosi ostelli chiusi per trovarci in bassa stagione e che non riapriranno le loro porte fino al mese di marzo o numerosi servizi non disponibili per lo stesso motivo e per lo stesso periodo di tempo.

PRIMAVERA ED ESTATE

Se invece vogliamo goderci il Cammino con alcune condizioni ottimali di temperaturae con tutti i servizi e alloggi già in corso,dobbiamo scegliere i mesi primaverili di maggio e giugno, o la transizione dall’estate all’autunno, tra settembre e inizio ottobre.

La più grande affluenza di pellegrini nel Cammino di Santiago avviene nei mesi centrali dell’anno; giugno, luglio e agosto sono diventati negli ultimi anni i tre mesi dove si è concentrato la maggior parte delle personeche hanno deciso di camminare per alcune delle differenti varianti.

Questo si deve ,in gran parte ,alla coincidenza di questi mesi con i periodi di vacanza dei pellegrini provenienti dal proprio territorio spagnolo, oltre a essere uno dei periodi migliori per incontrare un’offerta alberghiera al 100%, e una catena di servizi a pieno regime per renderci il percorso più semplice

NOSTRE RACCOMANDAZIONI

Come giá abbiamo commentato in un post sul blog precedente su quale periodo è migliore per il pellegrinaggio, noi consigliamo le stagioni di Primavera e Autunno.

In queste stagioni possiamo fare il nostro cammino a Santiago di Compostela senza problemidi temperature stagioni alte o stagioni basse. Inoltre, non troveremo molti pellegrini così avremo compagnia, ma saremo più rilassati rispetto alla stagione estiva.

¿COME VOGLIO FARE IL CAMMINO DI SANTIAGO ?

Esistono diversi modi per realizzare il pellegrinaggio ma i tre più frequenti sono i seguenti :

CAMMINANDO

9 su 10 pellegrini scelgono di realizzare il Cammino a piedi. È un’opportunità adatta per chiunque, dato che la difficoltá può adattarsi a tragitti molto corti e personalizzati in base alla nostra preparazione fisica,anche se, naturalmente, è ideale avere una certa quantità di esperienza nella realizzazione di passeggiate e un ritmo di vita attivo prima di fare le tappe.

IN BICICLETTA

Ogni volta sono di piú i seguaci che intendono realizzare il Cammino di Santiago in bicicletta

Il nostro consiglio se scegliete questo modo è quello di avere una buona preparazione fisica preliminare, una bicicletta adatta ai sentieri che troveremo e una buona pianificazione preliminare delle tappe.

Devi tenere di conto i fattori extra come il rispetto dei pellegrini a piedi per evitare incidentie la priorità di questi in ostelli pubblici, che causerà una buona scelta per voi cerca alberghi privati dove il costo non é molto elevato e che ti permettono di riporre la bicicletta con buone garanzie di sicurezza.

A CAVALLO

Anche questo mezzo ha guadagnato importanza negli ultimi anni, nonostante sia ancora un numero puramente aneddotico di pellegrini che optano per il rispetto del numero totale.

Secondo la statistica ufficiale dell’Ufficio del Pellegrino, nel 2016 arrivano a Santiago 345 cavalieri dopo il completamento del pellegrinaggio a cavallo.

Esistono giá molti alberghi e locande con blocchi e box adattati, tuttavia, per la sicurezza dell’animale e per il rispetto delle normative sanitarie esistenti, raccomandiamo che, per questa opzione, ci sia sempre una buona consulenza preliminareper pianificare tutti gli aspetti in modo sicuro ed efficiente.

EXTRA: IN KAYAK

É una nuova forma di pellegrinaggio che inizia a prendere forza

Si realizza attraverso una rotta che inizia a O GRove e termina a Santiago di Compostela,per la Ria de Arousa,attraversando allevamenti di vongole e ostriche, e visitando le migliori spiagge del litorale galiziano.

Questo percorso ricorda l’ultimo percorso in mare dei resti dell’Apostolo.

¿TI AIUTIAMO A DECIDERE ?

Abbiamo una grande varietà di rotte tracciate per te,a piedi ,in bici, o kayak ,e poi, se decidi di farlo da solo o in gruppo A tua scelta !

QUANTI GIORNI MI CI VORRANNO PER FARE IL CAMMINO DI SANTIAGO?

Questa domanda è completamente personalizzabile per ogni singolo caso.

Anche se ci sono fasi che in qualche modo sono state impostate come predeterminate, non esiste alcun obbligo di realizzare le tappe come sono state definite; molte di esse sono state definite in modo popolare per la disponibilità di alloggio o di servizi, altre che stabiliscono una durata media per tappa all’interno del tracciato di una rotta determinata.

L’idea é quella di affrontare le tappe con una durata ottimale per la nostra condizione

Se dobbiamoripartire le tappe in due a causa di qualche impedimento che ci impedisce di realizzare le tappe predeterminate, non c’è nessun problema, dobbiamo solo pianificarlo in anticipo, in modo da permetterci di cercare un alloggio nel luogo in cui è previsto il suo completamento.

Non esiste un numero determinato di giorni per la realizzazione del Cammino, tuttavia, come riferimento, si ha una stima di una media di circa 20-25 km diariocaminando, quindi nell’esempio di eseguire una gli ultimi 100 kilometri di una rotta per ottenere la compostela in media 5 giorni .

¿VI AIUTIAMO A CALCOLARE LE TAPPE DEL VOSTRO PERCORSO?

Da Pilgrim offriamo le opportunità di realizzare un breve e semplice formulario,per sapere così quante tappe vuole realizzareil pellegrino che assume i nostri servizi, in modo da poter tracciare il percorso e le fermate nel modo più personalizzatopossibile

¿QUALE TIPO DI ALLOGGIO SCEGLIO PER LE MIE TAPPE ?

Ancora una volta, la scelta di questo punto era completamente libera.

La rete di ostelli del Cammino de Santiago è anno dopo anno più ampia, se si contano i pubblici e l’offerta privata.

Un fattore condizionante in questo senso è che nella maggior parte dei casi si tratta di camere con un ampio numero di letti, in letti a castello e con bagno in comune, il che può rivelarsi insufficiente per alcune persone.

Per questo motivo,l’offerta sta crescendo gradualmente per l’offerta giacobea ed oggi abbiamo un ampia varietà di alloggiin differenti percorsi che vanno da Ostelli ,pensioni e hotel fino a Paradores di Turismo o Agriturismi di alta categoria per una crescita continua della domanda nell’ultime campagne.

Dopo tutte queste riflessioni dobbiamo solo valutare se vogliamo fare il Cammino da solio in compagnia di qualcuno conosciuto, o come altra opzione, cercare un gruppo di pellegrini che coincidano nelle nostre scelte e con cui condividere questa avventura.

In ogni caso, questa è una scelta del tutto personale che risponde a molte delle risposte precedenti, soprattutto al motivo per cui vogliamo avviarci

CONSIGLI EXTRA

PRONTO A PREPARARE IL TUO BAGAGLIO

Molte persone ci pongono domande su questo e, anche se abbiamo già fatto una voce su cosa portare nello zaino durante il Cammino,vi lasciamo qui un piccolo elenco a modo di estratto:

  • Uno zaino adeguato (leggero,anatomico e impermeabile)
  • Stivali comodi e usati in precedenza
  • Vestiti da camminata : il minimo possibile e adatto al periodo dell’anno
  • Biancheria intima e calzini senza cuciture
  • Impermeabile e giacca a vento
  • Berretto o cappello
  • Credenziale del pellegrino
  • Protezione solare alta
  • Sacco a pelo ( alcuni alloggi offrono solo lenzuola e apprezzerai un cappotto nelle notti fredde)
  • Asciugamani (preferibilmente di microfibra,poliestere e poliamidi, perché si asciugano velocemente e non pesano nella schiena )
  • Sandali per la doccia e articoli per l’igiene personale
  • Torcia elettrica ed elemento riflettente per il nostro corpo
  • Kit medico( cerotti, cerotti di gelatina, mercromina o betadine, alcool, analgesici e antinfiamatori)
  • Tessera sanitaria e Carta d’identità

La cosa più importante da tenere a mente e che non può mai mancare né nella nostra pianificazione né nel nostro zaino,è l’illusione e la voglia di godere di questa meravigliosa esperienza e scoprire la magia che si nasconde nel Cammino di Santiago.

Se dopo tutti questi consigli per fare il Cammino di Santiago ,hai deciso o senti il bisogno di pellegrinare,¡Pianificalo quanto prima!

Pellegrini Ultreia!

Pianifica la tua avventura!

Vi diamo informazioni senza impegno
Pilgrim Travel. S.L. informa, come previsto dal Regolamento 2016/679, che i dati utilizzati in questo modulo verranno utilizzati sia per la risposta delle eventuali consultazioni sia per la pub-blicazione dei commenti, essendo il consenso dell'utente la base di legittimazione. Potranno esse-re esercitati i diritti in conformità con quanto stabilito dalla nostra Política de Privacidad.

Il modulo è stato inviato correttamente