Preparazione fisica per il Cammino di Santiago

In molte occasioni, uno dei primi dubbi dei pellegrini è se riusciranno a resistere a questa grande sfida del pellegrinaggio e se avranno bisogno di  una preparazione fisica  per il  Cammino di Santiago

A questo proposito sorgono numerose domande, e la risposta a tutte non poteva che essere quella molto stereotipata dalla comunità galiziana: dipende!

PUOI ANCHE ESSERE INTERESSATO:  COME MANTENERE I TUOI PIEDI LUNGO IL CAMMINO DI SANTIAGO

Domande come le seguenti:

¿Devo esercitarmi prima di iniziare il Cammino ?“, “¿Devo andare dal fisioterapista o da un professionista per farmi dare dei consigli ? ” o “¿Con quanto anticipo mi preparo ?

Hanno attraversato la mente di moltissimi pellegrini.

Con questo post cercheremo di stabilire una serie di  raccomandazioni generali con cui prepararti in precedenza e che renderanno il tuo pellegrinaggio a  Santiago di Compostela  un’esperienza molto più piacevole e soddisfacente, evitando così una cattiva pianificazione.

ESPERIENZA DEI PELLEGRINI VETERANI

Come sicuramente avrai sentito, ci sono casi e casi di pellegrini che intraprendono questa avventura per differenti motivazioni, partendo da luoghi diversi e con percorsi totalmente diversi.

Ecco perché,  l’allenamento fisico ,è diverso per una persona che fa sport ogni giorno e frequentemente va in palestra, piuttosto che per una persona con uno stile di vita più sedentario in cui non c’è tempo per allenarsi regolarmente.

Tuttavia, molti esperti e professionisti dello sport hanno espresso le loro opinioni su questo argomento, tutti giungono alla conclusione che, con poche eccezioni, tutti i pellegrini devono eseguire una preparazione fisica precedente.

Tutto questo a causa delle caratteristiche uniche del Cammino, che non hanno nulla a che fare con quelle necessarie per la pratica di qualsiasi altro sport e che comporterà  una serie di sforzi  a cui una persona, sportiva o no, non sarà abituata.

È che, camminare per circa 30 chilometri al giorno con uno zaino di circa 10 chili, costituisce una grande sfida, sai fisica che mentale e che quindi deve essere preparato con coscienza.

CONSIGLI BASE  PER IL TUO PIANO DI FORMAZIONE.

In primo luogo, si raccomanda di iniziare la preparazione fisica  un paio di mesi prima, durante i quali verranno eseguite brevi passeggiate in modo che inizi con una frequenza intorno alle  2-3 passeggiate settimanali .

Aumenteremo progressivamente queste corse fino a raggiungere l’ultima settimana con passeggiate giornaliere e distanze pari alla media delle vostre tappe, sempre cercando di utilizzare le scarpe scelte per il Cammino ,con l’obiettivo di abituarti a poco a poco e le temute vesciche non compaiono nel momento meno indicato.

Sarà anche utile accompagnare queste corse con  sessioni di ginnastica complementari, in modo che si tonifica il corpo e muscoli guadagnano elasticità, evitando problemi muscolari o articolari in futuro.

Poichè si avvicina la data di inizio del pellegrinaggio, è consigliabile passeggiate accompagnati dallo zaino,  con un peso simile a quello che porterete nelle tappe, adattandovi alle condizioni in cui rendi il Cammino, nel modo più veloce e confortevole possibile, rendendo i muscoli delle ginocchia e delle caviglie forti e che non diano antipatia indesiderate.

Inoltre, per quanto possibile, alcune di queste  escursioni  dovrebbero essere effettuate   in alcune montagne  vicine, in modo da arrivare alle molteplici salite e discese che si trovano soprattutto nel tratto finale, una volta entrati in Galizia.

SE VOGLIAMO REALIZZARE IL CAMMINO DI SANTIAGO IN BICI

Nel caso in cui decidiate di intraprendere il Cammino di Santiago in bicicletta, ad eccezione del cambio dello zaino per un paio di borse laterali, le raccomandazioni sono le stesse,con due mesi di preparazione  per chi ha poca abitudine, partendo da tratti pianeggianti e salendo gradualmente dove potrete prendere confidenza con le combinazioni di piastra e pignoni adatti a ciascun profilo del terreno.

Negli ultimi giorni dovrete anche allenarvi con le borse cariche.

Per coloro che non hanno avuto la possibilità di fare questo allenamento precedente, sia a piedi o in bicicletta, la cosa ideale è  iniziare le prime fasi con calma, aumentando gradualmente le distanze per evitare dolori o contrazioni muscolari.

PREPARA IL TUO BAGAGLIO

Nei paragrafi precedenti abbiamo introdotto  due elementi chiavi  per la preparazione di questa avventura,   quali scarpe indossare  e  cosa mettere nello zaino.

Questi sono di solito due fattori che molti pellegrini del loro primo viaggio trascurano, essendo questa una decisione terribile che rende il viaggio difficile e la cui pianificazione preventiva è fondamentale. Per questo lasciamo una serie di consigli da tenere di conto :

Calzature

  • Stivali da trekking o da montagna  (In estate anche scarpe da ginnastica )
  • Che si adattano bene ai piedi
  • Tessuto leggero e impermeabile
  • per proteggere le caviglie
  • Calze in cotone e senza cuciture
  • Infradito o sandali : Per far sgonfiare il piede alla fine della tappa
  • STIVALI GIÀ LAMINATI  (Nuove calzature per il Cammino = vesciche assicurate)

zaino

  • Comodo, adatto e leggero
  • Con cinghie   che aiutano a fissare
  • Tasche interne ed esterne, laterali e superiori
  • Mai piú di 10 kili (se porti di piú ,ti avanzerà qualcosa)
  • Posizionare gli oggetti in modo funzionale:le cose più pesanti in basso per portare il peso vicino al centro e gli oggetti che si utilizzano più frequentemente nelle tasche esterne ( borraccia, crema solare,ecc.)
  • Kit medico : con protezione solare, gel anti-attrito per gli stivali, disinfettante, ammoniaca per le punture di insetti, cerotti, bendaggio elastico e un coltello

ULTIME NOTE

Oltre a questi suggerimenti di base, ci sono una serie di  tecniche di camminata   che cercheremo di riassumere di seguito al fine di rendere le tappe il più sopportabili possibile:

SU TERRENO PIANEGGIANTE

Cammina in base al tuo passo, ritmo normale, ne troppo lungo ne troppo corto Se qualcuno nel vostro gruppo ha un passo più lento o più veloce, non succede nulla, vi incontrerete presto al prossimo punto di riposo o presso l’ostello dove alloggeremo. E poi, tu devi inizia la tappa con un certo ritmo  , fino a quando il corpo è caldo, e poi prosegui con un ritmo regolare e continuo.

SULLE SALITE

Con   un passo più lento e più corto, allenta la cintura o le cinghie dell’addome per respirare meglio.

SULLE DISCESE

Al contrario, con  passi lunghi e veloci, stringi le cinghie più alla vita per far riposare le spalle.

È inoltre consigliabile, farsi aiutare sia in salita che in discesa, dal personale, che a sua volta aiuta a rompere la monotonia di alcune tappe.

ATTENZIONE A DOVE CI FERMIAMO

In particolare in terreni accidentati con pietre e terra, sono grandi amici delle distorsioni al ginocchio e alla caviglia. E cioè che ci sono un certo numero di infortuni , che sono diventati inerenti al Cammino di Santiago e che non dovresti prendere alla leggera.

I più comuni sono la tendinite del tendine di achille, slogature alla caviglia, e artrite traumatica agli arti inferiori.

In questi casi, è consigliabile  andare da un fisioterapista , il più rapidamente possibile e seguire le loro istruzioni, poiché con un po ‘di fortuna, è molto probabile che queste lesioni non siano invalidanti e si può continuare con la camminata.

Pilgrim ti aiuta…

In questo caso abbiamo una serie di fisioterapisti lungo il percorso Giacobeo in modo che, se si hanno lesioni, puoi andare il prima possibile.

STRETCHING

Infine, è  essenziale distendersi bene, sia prima che dopo la tappa, soprattutto i tendini del ginocchio e quadricipiti, poiché le gambe soffriranno di più i dolori muscolari, ma senza dimenticare gli altri muscoli e le articolazioni del corpo.

È ora di pianificare

Se si mettono in pratica questi consigli per la preparazione fisica , cui vanno aggiunte altre, come la buona pianificazione delle fasi, tenendo conto delle distanze tra l’inizio e la fine delle fasi, i punti di sosta, profili del terreno, ecc. e sempre tenendo conto delle possibilità di ciascuno.

Siete pronti per l’avventura dei pellegrinaggi lungo il Cammino di Santiago.

Pellegrini Ultreia!

Pianifica la tua avventura!

Vi diamo informazioni senza impegno
Pilgrim Travel. S.L. informa, come previsto dal Regolamento 2016/679, che i dati utilizzati in questo modulo verranno utilizzati sia per la risposta delle eventuali consultazioni sia per la pub-blicazione dei commenti, essendo il consenso dell'utente la base di legittimazione. Potranno esse-re esercitati i diritti in conformità con quanto stabilito dalla nostra Política de Privacidad.

Il modulo è stato inviato correttamente