Percorrere il Cammino di Santiago con un cane sarà un’esperienza arricchente che vi farà crescere sia moralmente che spiritualmente, ed eleverà il vostro rapporto ad un grado superiore, non importa quanto forte possa già essere.

Successivamente, vogliamo darvi una serie di consigli e informazioni per farvi perdere qualsiasi timore e avventurarvi nel Cammino di Santiago con il vostro cane.

È di vitale importanza, realizzare il cammino con il vostro cane, per evitare l’inconveniente di non trovare alloggio durante il vostro cammino.

Non ti preoccupare, in Pilgrim abbiamo una rete di alloggi di fiducia dove sappiamo che ammettono animali.

Contattaci e non preoccuparti di questo grande problema che può diventare chiave durante il tuo pellegrinaggio.

Al contrario, se vuoi sapere tutto su come realizzare il Cammino con il tuo cane, continua a leggere.

Prima di tutto vogliamo parlarvi della difficoltà del Cammino di Santiago e di più con il vostro animale domestico, non si tratta di scoraggiarvi, basta avvertirvi, perché se troveremo un’infinità di cose positive nel fare il cammino con il nostro migliore amico, vivremo anche situazioni sfavorevoli che dovremo imparare a gestire formando una squadra con il nostro fedele compagno.

Prima d’iniziare il Cammino di Santiago

Prima d’iniziare a camminare dobbiamo sapere alcune cose riguardanti la preparazione, come arrivare a Sarria, ecc.

Preparazione fisica

Avrai bisogno di una buona preparazione fisica, ma anche il nostro compagno peloso ha bisogno di una buona preparazione, poiché, nonostante il fatto che ci siano ancora persone che credono che l’animale non soffra, il nostro compagno si stanca, ha crampi, ecc. Sappiamo per certo che il Cammino sarà difficile per loro come lo è per noi.

Un paio di mesi prima d’iniziare il Cammino di Santiago, si consiglia di portare il cane a fare lunghe passeggiate, anche se l’animale è abituato o meno a fare sport.

Esempio di preparazione

  • Uscire molto presto al mattino per camminare ad un ritmo veloce per circa un’ora, in cui percorreremo circa 7 km.
  • Di nuovo nel tardo pomeriggio e si può fare circa 2 ore in più, ad un buon ritmo e durante questo tempo si può percorrere circa 15 chilometri, così alla fine della giornata il cane avrà fatto più di 20 chilometri.
  • Dovrà camminare lungo sentieri sterrati, in pietra o carreggiate con l’obiettivo di indurire al massimo i cuscinetti, in ogni modo ci sono anche prodotti che possiamo applicare alle zampe per favorire l’indurimento di questi e quindi evitare lesioni e contusioni.
  • Spulciare l’animale dentro e fuori; all’interno, per mezzo di una compressa antiparassitaria e all’esterno per mezzo di una pipetta antipulci e zecche.
  • Indossare un collare antizecche resistente all’acqua durante le tappe, dato che attraverseremo zone boschive in cui questi esseri nocivi abbondano per il nostro animale, a parte che possiamo incontrare altri cani lungo il Cammino.

Preparazione dello zaino

In precedenza, in un altro post, abbiamo parlato di cosa portare nello zaino durante il Cammino de Santiago, tuttavia, ora abbiamo il fattore di portare in esso ciò che è necessario per il nostro animale domestico.

Quello che ancora non sappiamo è quello che dobbiamo portare per rendere l’esperienza più piacevole per il nostro amico a quattro zampe.

Elenco generale degli oggetti

  • Documentazione dell’animale:
    • Certificato sanitario veterinario e documento di accreditamento della vaccino antirabbico.
    • Certificato di identificazione con microchip e tesserino di vaccinazione
  • Pettorina e guinzaglio: Raccomandiamo questo accessorio perché il collare può ferire il nostro cane nel caso in cui lo debba indossare per lungo tempo. Un’altra buona alternativa è quella di creare un canicross(strumento per trasportare il nostro animale domestico legato alla vita).
  • Impermeabile canino.
  • Asciugamano ad asciugatura rapida: Si raccomanda di portarne uno specifico per l’animale.
  • Ciotola pieghevole: Realizzata in tessuto impermeabile, molto utile per le sue ridotte dimensioni e peso.
  • Pasto: Si consiglia di portare circa due chili di mangime (preferibilmente di alta gamma) distribuito in bustine di razione.
  • Alimentatore: Per mescolare il mangime con altri alimenti.
  • Borse per escrementi: Dobbiamo pensare che non solo attraverseremo le montagne e le zone rurali, ma anche i nuclei urbani e soprattutto dobbiamo essere responsabili degli atti dei nostri animali domestici.
  • Calzature cane: Per proteggere i cuscinetti del nostro cane.
  • Crema per i cuscinetti.
  • Tappetino: Nel caso in cui il nostro animale domestico debba passare una notte all’aria aperta.

Credenziale Canina

Dall’inizio del 2018 i cani che fanno il pellegrinaggio a Santiago di Compostela, possono ottenere, come il suo padrone, la Perregrina o Compostela Canina.

Questa iniziativa è realizzata dalla Associazione Protetora de Animais do Camiño (APACA) per soddisfare la moltitudine di richieste dei pellegrini che percorrono il Cammino di Santiago accompagnati dai loro animali domestici e, quindi, per sensibilizzare gli alberghi che facilitano l’accesso ai loro animali domestici.

Anche se la credenziale non ha uno status ufficiale per non avere il timbro della chiesa Cattolica, è un grande passo per sensibilizzare i pellegrini all’abbandono degli animali e ai loro maltrattamenti sulle percorsi giacobine.

Il suo funzionamento è lo stesso della Credenziale del pellegrino, deve essere timbrato durante il percorso einfine a Santiago, consegnare il documento in R/Fontiñas 27 all’ingresso della città per il Cammino Francese.

Quanto costa e dove trovarla?

Il prezzo della credenziale canina è di 3 € e quello della Perregrina, 3 €.

Se si acquista il pack, Credenziale + Compostela Canina, a soli 5 €.

In Galizia:

  • Presso la sede dell’APACA, a Santiago di Compostela, (Rúa Fontiñas 27). Tutti i Cammini.
  • Ecoespazo Vitriol, a Sarria. Cammino Francese
  • Albergo San Lázaro, a Sarria. Cammino Francese
  • Negozio Lucana, in A Coruña. Cammino Inglese
  • Le Crepe da Pía. Porta da pía nº8, a Tuy Cammino Portoghese
  • Michocán, a Vigo. Cammino Portoghese
  • Albergo Ponte Ferreira, in Lugar O Carballal, 2, 27206 Ferreira, Lugo

Nelle Asturie:

  • Albergo Giovanile Castro, a Grandas de Salime. Cammino Primitivo
  • Albergo La Payariega, a La Carda, Villaviciosa. Cammino Nord

In Estremadura (Cammino Argento):

Agenzia di viaggio (tutti i cammini):

  • Pilgrim: noi stessi saremo in grado di darti la Credenziale Canina, se desideri. Non esitare a chiedercela.

Pianifica la tua avventura!

Vi diamo informazioni senza impegno
Pilgrim Travel. S.L. informa, come previsto dal Regolamento 2016/679, che i dati utilizzati in questo modulo verranno utilizzati sia per la risposta delle eventuali consultazioni sia per la pub-blicazione dei commenti, essendo il consenso dell'utente la base di legittimazione. Potranno esse-re esercitati i diritti in conformità con quanto stabilito dalla nostra Política de Privacidad.

Il modulo è stato inviato correttamente

Credenziale Canina

Miglior percorso del Cammino di Santiago da fare con il cane

Potreste avere dei dubbi su quale percorso del cammino scegliere di percorrere accompagnati dal vostro fedele amico.

Nonostante possa essere fatto sulla maggior parte dei percorsi, raccomandiamo Sarria, per la sua migliore accessibilità per il tuo animale domestico e soprattutto, perché abbiamo la prova che ci sono alloggi che consentono il passaggio di animali.

Non ne consigliamo un altro se non siamo sicuri che il vostro cane dorma in un luogo confortevole.

Come arrivare a Sarria con un animale domestico per fare il Cammino di Santiago

Anche se sappiamo già come arrivare a Sarria per fare il Cammino di Santiago, stiamo andando a sottolineare le differenze che possono sorgere quando si tratta di essere accompagnati dal vostro animale domestico.

In treno

  • Cercanías: È l’unico mezzo di trasporto pubblico in cui puoi viaggiare con il tuo cane indipendentemente dalle sue dimensioni. Le uniche condizioni esistenti sono che va legato e se pesa più di 10 chili occorre la museruola, un altro punto positivo di questo mezzo di trasporto è che il vostro animale domestico viaggia gratis.
  • Media/lunga distanza, AVE, ecc: Solo i cani di peso inferiore a 10 chili possono viaggiare in uno di questi treni, sempre all’interno di un trasportino di dimensioni 60x35x35 cm, che dobbiamo portare, oltre a questo nella maggior parte dei treni dobbiamo pagare un supplemento per il trasporto del nostro animale domestico.

Sul sito web di Renfe troveremo tutte le informazioni necessarie sulle condizioni che il viaggio con un animale domestico comporta per noi.

In autobus

Con l’eccezione dei cani guida, la legge stabilisce che gli animali dovranno viaggiare in stiva all’interno di un trasportino, questa soluzione non ci sembra molto appropriata in quanto il nostro cane viaggerebbe tra le valigie e vicino al rumoroso motore dell’autobus.

Immaginate di mettervi nella loro situazione, non andare in un posto a sedere con tutti i comfort, e anche ricevere colpi dai bagagli degli altri passeggeri e con un rumore scioccante per tutto il viaggio.

In aereo

In aziende a basso costo viaggiare con il cane solitamente è proibito in qualsiasi modo.

Nelle altre compagnie i “mini” cani possono viaggiare in cabina all’interno di un trasportino (massimo 8 chili e previa autorizzazione) e gli altri cani possono viaggiare in stiva, pagando un supplemento del biglietto.

Le condizioni in cui i cani viaggiano in stiva non sono così negative come un tempo, poiché questi scomparti sono separati dai restanti bagagli e si trovano in un ambiente correttamente climatizzato, senza rumori né altri effetti traumatici per gli animali domestici.

In auto

Senza dubbio la soluzione più confortevole in termini di organizzazione è quella di utilizzare la nostra auto privata per arrivare all’inizio del nostro Cammino.

Se non abbiamo questa opzione, possiamo sempre noleggiare un veicolo o noleggiare un viaggio attraverso BlaBlacar, alcuni dei conducenti offrono la possibilità di viaggiare con animali domestici, quindi potrebbe essere l’alternativa più consigliata se non riuscissimo a gestire il nostro viaggio con i trasporto pubblico.

Alloggi tra Sarria e Santiago che ammettono animali domestici

È molto importante pianificare bene i luoghi dove passeremo la notte, perché non tutti ammettono i nostri compagni a quattro zampe.

Elenco degli alloggi

  • Sarria: All’inizio del Cammino abbiamo a disposizione questi alloggi:
  • Portomarín: Alla fine della prima tappa potremo passare la notte nell’albergo El Caminante.
  • Palas de rei: Dopo la seconda tappa potremo goderci una piacevole notte nella pensione Maite.
  • Arzúa: Albergo dei pellegrini Vía Láctea.
  • O Pedrouzo: Dopo aver percorso questa penultima tappa potremo rilassarci nella pensione Codesal.
  • Santiago di Compostela: Dopo aver terminato il Cammino, siamo sicuri che avrete bisogno di riposare più che mai, e crediamo che l’Hotel Horreo sia l’opzione migliore.

Si tratta di un orientamento che è aperto alla disponibilità di alloggio e la modifica dei prezzi per le stagioni, se volete aiutare a prenotare alloggi non esitate a contattarci attraverso il nostro correo info@pilgrim.es

Durante il Cammino…

Una volta sulla strada, se il nostro animale domestico è ben preparato fisicamente e a livello di equipaggiamento, saremo sicuri che si sveglierà ogni giorno felice di continuare l’avventura con il suo proprietario, ma dobbiamo tenere conto di alcuni elementi per evitare battute d’arresto.

Libero o al guinzaglio?

Sicuramente questo dubbio ci assale in molti momenti del nostro viaggio, non possiamo generalizzare in questo argomento poiché ogni situazione e ogni animale richiede un comportamento diverso.

Non è consigliabile né un’estremità né l’altra, non dovremmo legare o lasciare il nostro animale domestico sempre allentato.

Lungo il Cammino di Santiago troveremo zone in cui sarà possibile lasciare libero il nostro cane senza pericolo, mentre in alcuni tratti, in cui si passa sui bordi delle strade, sarà necessario tenerlo al guinzaglio e controllarlo.

Un’altra questione da tenere a mente è il processo di adattamento alle distanze delle tappe, dobbiamo evitare di esaurire l’energia troppo velocemente ad ogni tappa.

I primi giorni dobbiamo lo leghiamo più assiduamente dal momento che l’animale può iniziare a correre senza controllo e stancarsi troppo presto. Dobbiamo tenere a mente che non sa quanta distanza stiamo andando a percorrere, con il passare dei giorni, ci rendiamo conto che lui stesso doserà le sue energie.

Pasto

La cosa migliore è cercare di variare la dieta dei nostri animali il meno possibile, anche se quello che dobbiamo fare è aumentare la razione giornaliera di cibo, poiché lo sforzo che il nostro cane sta per fare sarà maggiore di qualsiasi altro sforzo fatto di giorno in giorno.

È possibile che durante tutta la tappa il nostro animale domestico non voglia mangiare nulla, una buona soluzione è quella di avere una sorta di rinforzo alimentare (energico, protettore muscolare, protettore delle articolazioni, ecc.) e darglielo quando ci fermiamo a mangiare.

Alla fine della tappa vi daremo la vostra razione giornaliera di cibo, vi raccomandiamo di mescolare il mangime con una lattina per cani pâté o qualsiasi alimento specifico che fornisca più energia.

Dobbiamo sapere che ci sono integratori alimentari che contengono vitamine, L-carnitina, elettroliti,… Prima di utilizzarli dobbiamo consultare il nostro veterinario per sapere qual è il più consigliabile per il nostro caso.

Idratazione

È essenziale avere abbastanza acqua, non è qualcosa che dovremmo lasciare a caso e fidarci che l’animale beva dove può.

Importante portare la propria bottiglia per riempire la sua ciotola, in questo modo possiamo anche controllare quanto beve, dargli a poco a poco l’acqua per non sprecarla ma senza lesinare, poiché ha bisogno d’idratarsi tanto o più di voi.

Rinfrescare il nostro cane e idratarlo costantemente è un modo più che efficace per evitare colpi di calore.

Cura dei cuscinetti

È essenziale mantenere idratate le cuscinetti dei nostri cani, ogni sera prima di coricarsi dobbiamo applicare loro creme specifiche a questo scopo, in questo modo dormiranno mentre la pomata ha effetto e la mattina saranno pronti per una nuova tappa.

Se optiamo per l’acquisto di calzature per animali è importante indossarle ogni volta che si attraversano tratti di pavimentazione (asfalto, calcestruzzo, ecc.).

Questo tipo di itinerari può danneggiare gravemente i cuscinetti del nostro cane, nel caso di copertura di lunghe distanze dobbiamo mettere gli stivali per fare gli ultimi chilometri, semplicemente per prevenzione, poiché a causa dell’accumulo di distanza percorsa, i cuscinetti si ammorbidiscono e irritano diventando più deboli di fronte ai tagli.

Dobbiamo controllare ogni giorno le zampe del nostro animale nel caso in cui compaiano irritazioni come causa del calzature scelto. Soprattutto, guardate il quinto dito, in quanto questo è di solito il più colpito per l’uso di stivali canini.

Nel caso in cui questo fossi interessato, dobbiamo smettere di usare questi accessori durante i giorni necessari per recuperare.

Alla fine del cammino…

Una volta superate tutte le tappe, andate all’ufficio APACA per ottenere la Compostela Canina o Perregrina così meritata per il vostro fedele compagno durante tutto il viaggio.

Siamo sicuri che né tu né il tuo animale domestico sarete uguali, questa esperienza ti avrà cambiato per tutta la vita, e sarà servita a rendere il tuo rapporto ancora più stretto, se possibile.

Dopo aver letto tutti i consigli che vi diamo qui su come fare il Camino de Santiago con il cane, siamo sicuri che il vostro desiderio di superare il Cammino si sarà moltiplicato, poiché questa esperienza accoglie i pellegrini con due gambe e a quattro zampe allo stesso modo. Se sentite il bisogno di andare in pellegrinaggio, non reprimetelo. Fatelo!

Pellegrini Ultreia!