Consigli durante il Cammino di Santiago

Consigli durante il Cammino

Scopri cosa incontrerai durante il viaggio e cosa dovrai tenere a mente mentre procedi.

Principalmente gli alberghi pubblici, anche se in misura minore anche gli altri alloggi offrono il servizio di lavanderia, in modo da poter lavare e asciugare i vestiti lungo il Cammino.

Una volta arrivati a Santiago de Compostela, da Pilgrim vi offriamo la possibilità di fare il bucato. Così puoi andare a casa con i vestiti puliti.

Si raccomanda che le prime due o tre tappe non superino i 20 chilometri e, da quel momento in poi, ogni tappa aumenta la distanza percorsa a seconda dell’età e delle condizioni fisiche. Il più comune è quello di fare una media di 22-25 chilometri al giorno.

Si consiglia inoltre di fermarsi per un minimo di 10 minuti ogni 60 o 90 minuti, camminando per ricostituire le riserve d’acqua, scattare una foto e sgranchire le gambe e la schiena. Questa stessa pratica dovrebbe essere ripetuta all’inizio e alla fine di ogni tappa con intervalli di stretching importanti e rilassati, dove ci si rilassa almeno le gambe, la schiena, il lombare e le spalle. Lo stretching ci aiuterà a evitare possibili lesioni, la più tipica delle quali è la tendinite.

All’inizio della giornata dobbiamo camminare senza problemi e senza fretta, una volta che i muscoli si sono riscaldati, l’andatura deve essere regolare e confortevole, vale a dire che possiamo avere una conversazione senza problemi. Nelle salite, il passo è consigliabile che sia più breve e più lento e sostenere nel terreno tutta la pianta del piede, al contrario, nelle discese è favorevole che il passo sia più lungo e più veloce ogni volta che si va comodo.

Un errore da non commettere è quello di seguire il passo di chi cammina più veloce di noi, ognuno deve avere il proprio ritmo per evitare stanchezza, lesioni, ecc.

È molto comune incontrare i pellegrini che iniziano la tappa la mattina presto, generalmente queste persone alloggiano in alberghi pubblici e devono assicurarsi la piazza.

Gli alberghi pubblici vengono riempiti in base all’ordine di arrivo, anche se sono ammessi solo i pellegrini con le credenziali e i pellegrini a piedi hanno la priorità. Inoltre, si può rimanere solo una notte, tranne che per cause di forza maggiore. Stando così le cose, i pellegrini si alzano molto presto per arrivare alla fine della tappa a metà mattinata, per avere una piazza e poter visitare quel luogo in questo modo.

Se non avete in mente alberghi pubblici, non c’è bisogno di alzarsi troppo presto, potete riposarvi e poi godervi la tappa tranquillamente senza che il cammino si trasformi in una gara.

Tuttavia, se è estate, si consiglia di alzarsi un po’ presto in modo che le alte temperature al centro della giornata non ti sorprendano sulla strada e quindi impediscono tali pericolosi colpi di calore.

Nel caso in cui ci siamo persi, abbiamo solo bisogno di un po’ di tranquillità e serenità per tornare al percorso, dato che dopo esserci informati di ogni tappa conosceremo i villaggi situati lungo il cammino che stiamo percorrendo. Trovare questi villaggi è molto facile, essendoci una segnaletica per accedervi e/o tornare all’itinerario giacobeo. Un’altra opzione è quella di chiedere alla gente del posto o ad altri pellegrini.

Infine, ma non meno importante, o se siete in pericolo, chiamate il più rapidamente possibile il numero di emergenza (112).

Pilgrim ha selezionato i principali punti di interesse di ogni tappa e di ogni località attraversate da tutti le rotte giacobine. È possibile accedere a queste informazioni attraverso la sezione Cammini e, all’interno di ogni percorso, nei paesi e nelle città corrispondenti. In questo modo potrai pianificare le tue soste in base ai punti di interesse che più ti piacciono.

Se viaggiate con il vostro animale domestico e soffre di qualche tipo d’incidente o malattia improvvisa, vi preghiamo di contattarci per individuare il punto di assistenza veterinaria più vicino. Potete anche visitare le nostre schede di ogni località per essere sicuri di avere i centri disponibili per ogni tappa in anticipo per prevenire questo tipo d’incidenti.

C’è un elenco telefonico in ogni scheda delle località lungo i Cammini, dove si trovano, tra l’altro, i numeri di telefono dei centri sanitari e degli ospedali. Un’altra opzione, nei casi più gravi, è chiamare il 112 per inviare un’ambulanza dove serve o contattarci direttamente.

In caso di lesioni muscolari o disagi durante il pellegrinaggio. Pilgrim ha una rete di fisioterapisti lungo il Camminoche vi aiuterà a risolvere i vostri problemi.

Lungo tutto il percorso dei diversi Cammini di Santiago troviamo ristoranti o bar dove offrono i pasti. La stragrande maggioranza dei paesi ha sia strutture adibite alla ristorazione dove si può mangiare, sia negozi alimentari.

Ogni persona, in base al proprio budget o punto della tappa, deciderà dove fermarsi a mangiare. Se siete nel bel mezzo di una tappa e tra i villaggi, la cosa più comune è che prima di partire comprate in un supermercato quello che vi serve per fare dei panini imbottiti e mangiare durante il percorso. Se si decide di mangiare in un ristorante, nella maggior parte di essi ci sono menù con prezzi speciali per i pellegrini. Visita la nostra sezione delle strutture consigliate.

Non puoi dimenticare di bere abbastanza acqua lungo il percorso per evitare la disidratazione.

Se avete seguito le istruzioni di camminata che abbiamo raccomandato, passo dolce e molte fermate, non dovreste variare troppo la vostra dieta abituale, purché si includano alcuni alimenti che vi danno energia in più.

L’alimentazione e la quantità d’acqua variano a seconda del percorso scelto, del clima, del ritmo adottato, della distanza, ecc. La grande maggioranza delle volte il nostro corpo richiederà una maggiore quantità di acqua ed energia, quindi sarà necessario aumentare il consumo di acqua, frutta e noci in particolare. Dovete sapere che la disidratazione causa molte lesioni come sovraccarichi muscolari, affaticamento e tensione, per cui non dovreste cadere a corto quando riempite la borraccia.

Per quanto riguarda il pranzo, è vero che il dispendio calorico è superiore a quello della nostra routine quotidiana, ma dobbiamo sfuggire ai pasti abbondanti. Questo farà sì che il sangue si concentri sullo stomaco e ci sentiremo pesanti fino alla fine della tappa. Il pasto centrale deve essere fatto alla fine della tappa per rifornire di energia e acqua.

La cosa raccomandata sarebbe:

  • Colazione: è il pasto più importante della giornata, quindi dovresti renderlo il più completo possibile, compresi cereali, latticini, succhi e frutta.
  • A metà mattina: Durante la passeggiata è fondamentale bere molta acqua e mangiare cibi leggeri ma energetici.
  • Pranzo: solitamente tra una tappa e l’altra si consumano panini imbottiti o pasti leggeri.
  • Cena: di solito coincide con la fine della tappa, dobbiamo ricaricare le nostre energie per affrontare il giorno successivo, perché è necessario mangiare bene e recuperare l’energia perduta mangiando cibi ricchi di sali e idrati.

Fai il tuo Cammino

×

Dicci le tue preferenze e di invieremo una mail con alcune proposte su misura

  • 25 Km al giorno circa
  • 70 Km al giorno circa

Regime non disponibile

Fai il tuo Cammino

×

Grazie per aver pianificato con Pilgrim!

Piú informazioni?

Informati senza compromessi cliccando il bottone inferiore ed un agente specializzato si metterá in contatto con te per risolvere tutti i tuoi dubbi. Otterrai un 5% di sconto solo per esserti informato.